Post più popolari

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

mercoledì 22 febbraio 2012

Megaupload, liberi tutti

Roma - "Mi sento sollevato perché ora andrò a casa a rivedere la mia famiglia, i miei tre bambini e mia moglie che è incinta. Spero capiate che è tutto quello che voglio dire in questo momento". Sono le prime e ultime dichiarazioni alla stampa da Kim Dotcom, rilasciato su cauzione dopo il suo arresto nello scorso 20 gennaio.

Il corpulento founder di Megaupload è dunque l'ultimo responsabile ad uscire di prigione, liberato temporaneamente dalle autorità neozelandesi dopo il programmatore Bram Van Der Kolk e gli altri soci del mega-impero del file hosting. Dotcom si era visto negare più volte la libertà su cauzione, considerato "a rischio fuga" dal giudice Dawson.

È stato ora lo stesso Dawson ad autorizzare il rilascio di Dotcom, dal momento che le autorità statunitensi hanno ormai sequestrato tutti i beni in suo possesso. Milioni di dollari, oltre allo sterminato parco auto e un elicottero privato. In sostanza, il founder non avrebbe alcuna possibilità di lasciare la Nuova Zelanda.

Kim Dotcom verrà ora trasferito nella sua dimora di Coatesville, Auckland, dove trascorrerà il suo tempo in compagnia della famiglia. Il boss di Megaupload non potrà allontanarsi per più di 80 chilometri dall'abitazione, ovviamente escluso da qualsiasi connessione al web come già stabilito per i suoi soci.

38 anni, il founder attenderà così il processo che potrebbe condannarlo all'estradizione in terra statunitense. Mentre il Department of Justice (DoJ) ha già lanciato nuove accuse per le attività condotte dal suo celebre cyberlocker con base ad Hong Kong. Le autorità federali a stelle e strisce hanno congelato 50 milioni di dollari sui conti bancari del founder.

Nessun commento:

Posta un commento